Belfie, lelfie e tutti i sexy selfie più diffusi

Selfie è stata la parola del 2014, anche se da decenni la gente si fa autoscatti nei modi più impensati.

selfie

Si, la moda del selfie è letteralmente esplosa, e ha visto nascere anche una serie di neologismi in salsa piccante, per denominare i selfie ad alto tasso erotico.

Quando il selfie si fa hot
Grazie ad Instagram e a numerose star del jet set USA, gli hot selfie hanno conosciuto un’incredibile popolarità e fatto tendenza. Qualche esempio? I bollenti selfie di Kim Kardashian e Miley Cirus, irreristibili e irriverenti. Da qui, alla tendenza di scattare selfie di coppia post-coito (#aftersex), gli autoscatti bollenti sono ormai lanciatissimi e sembra che nulla riesca a frenarli!

Tutti i tipi di hot selfie
#aftersex è l’hashtag utilizzato dalle coppie che vogliono immortalare la loro espressione (beata, stanca, goduriosa e quant’altro) dopo il sesso. Ma non è certamente la categoria più hot di selfie! In cima, infatti, troviamo il belfie, ovvero il selfie del lato B. Come funziona? E’ preferibile, naturalmente, avere un bel fondoschiena molto pronunciato, o inarcarlo per lasciare che domini la scena. Affinchè lo scatto venga al meglio può essere eseguito allo specchio. E se proprio sei una fanatica puoi acquistare un “belfie stick” e fotografarti (solo fotografarti, bada!) il culo con un bastoncino di titanio.

Più casto, ma non è detto, il lelfie è una fotografia delle gambe, che se incrociate in modo sexy fanno comunque il loro (porco) effetto.

E le tette? Qui spopola il side boob, ovvero lo scatto laterale per fotografarsi il seno di profilo, magari con le braccia alzate. Meglio che il seno sia ben pronunciato, altrimenti si rischia un effetto poco incisivo! Alternativa è l’underboob, un taglio di selfie supersexy che ci mostra il seno “da sotto”, inquadratura ad alto tasso erotico per moltissimi maschietti!

Insomma: simple selfie è bell’e defunta, e l’autoscatto provocante sembra aver acuito l’esibizionismo di donne e ragazze. I maschi? Stanno a guardare, ovvio, magari con un filino di bava…