Alla scoperta del massaggio lingam e Yoni

Il massaggio è sempre un momento di relax e contatto con il corpo, con le energie sottili. Ma alcuni massaggi possono spingersi oltre e coinvolgere anche l’energia sessuale, l’energia della vita. È il caso del massaggio lingam e yoni, che contempla anche il contatto con gli organi genitali e si spinge leggermente oltre, attivando i meccanismi del piacere.

massaggio hard

Un massaggio davvero eccitante

Lingam, per gli induisti, è il fallo, inteso anche come fallo sacro ovvero principio generatore del mondo. Non a caso nella religione indù si venerano spesso grossi lingam stilizzati, di forme e colori anche bizzarri. La yoni, sua controparte, è la vagina, l’organo femminile.

Yoni e lingam sono dunque gli organi genitali, che nel massaggio che prende il loro nome vengono dolcemente stimolati dal massaggiatore. Il massaggio yoni lingam da un lato riprende il linguaggio e la sapienza indiana, ma dall’altro si adatta ai “gusti” dell’occidente ed alle sue richieste, quindi non aspettatevi rituali religiosi.

Ma cos’è alla fine il massaggio lingam – yoni? Si tratta di una “specialità” legata all’universo del Tantra, un massaggio tantra che inizia in genere con contatti delicati, carezze e leggere pressioni, e fa uso anche di olii aromatici e profumati. Nel massaggio yoni il massaggiatore o la massaggiatrice arriva a stimolare il clitoride quando lo percepisce “pronto”, e può anche introdurvi all’interno una o più dita. Nel massaggio lingam, invece, prevede tutta una serie di manovre sull’area genitale maschile, che in genere si concludono con l’eiaculazione.

L’uomo massaggia la donna e la donna l’uomo? In genere si, ma non è indispensabile. Inoltre come detto in precedenza il massaggio non si concentra solo sugli organi sessuali, ma li raggiunge lentamente e quando è il momento. Poi, una volta focalizzato sul sesso, il massaggio “gioca” abilmente con un saliscendi di piacere stimolando l’organo per creare uno stato di gradevole eccitabilità, lentamente portato all’apogeo ovvero all’orgasmo.

Vi viene voglia di provare, vero?