Vai direttamente a Flirt o Love  


“ Fai salire l' adrenalina !
Prendi il controllo sul
tuo partner, e
Divertiti  „

“ Il miglior Sito di incontri
Piccanti per soli adulti
esigenti  „

Seduci il tuo partner
e realizza i tuoi desideri
subito!  „

  Chat webcam      Messaggistica istantanea      Incontri geolocalizzati      Tecnologie speedflirt®

 Lasciami sborrare sui tuoi slip - 19/05/2015 - letto volte

Giovane donna in carriera desidera da impazzire il suo sottoposto. E lo lascia sborrare sugli slip

Il mio capo è una donna in carriera di 34 anni. Criniera bionda raccolta, tailleur, piglio autoritario e un pò aggressivo, con slanci di ironia. E sensualità sotterranea, che trapela dalla scelta delle calze, dal rossetto marcato e si, da quel seno che è proprio difficile nascondere.

Il mio capo ha un debole per me.

Sarà che ho 27 anni, sono brillante e caparbio. Sarà che non ha un compagno fisso, ma come puoi avere un partner ed essere una donna in carriera a Milano?

Elena, si chiama così, flirta spesso con me tra un brief e l'altro. Forse mi sento un tantino privilegiato, e anche i colleghi lo percepiscono. Lorenzo di tanto in tanto mi lancia i suoi casti suggerimenti, tipo “ma spaccale il culo deh!”, o perle di saggezza come “vuole la tua mazza, fidati!”.

Ed io?

  Io ho una storia iniziata da poco. Con Elena, si chiama anche lei così, una dolce coetanea che fa l'account in un'agenzia della concorrenza.

Ma più volte, nella penombra della sera o sotto il profilo confortante del mio iMac, mi sono segato guardando le foto migliori del capo, quelle su Facebook dove sfoggia un invidiabile due pezzi a Sharm o a Ghadira Bay.

Immaginando di fottermela a pecora, sulla scrivania, in tenuta da lavoro. E poi di sborrare sulle sue mini mutande di pizzo, inondandole di succo caldo.

Troppa fantasia? Lo avrei detto anch'io fino a quel giorno. Il giorno in cui, dopo aver stretto una partnership di tutto rispetto con un network internazionale, Elena mi convocò in ufficio.

“Complimenti Giacomo... Sapevo che eri un bravo commerciale...ma non fino a questo punto! Avrei immaginato una trattativa più lunga o un fallimento...invece mi hai sorpreso”.

“Grazie Elena (ci davamo del tu). Stai stuzzicando il mio ego... lo sai che non mi merito tutti questi complimenti!”

Ci guardammo intensamente.

Quei lunghi sguardi dove, si capisce, qualcosa sta accadendo e una comunicazione profonda, sotterranea, ha luogo.

Le parole successive sono sempre un pò soffocate. Richiedono un colpo di tosse, uno schiarimento di voce.

Si avvicina a Me.

“Giacomo”

“Si...”

“Io vorrei...”

“Si...”

“Insomma, vorrei...volevo farti un regalo... te lo meriti”

“Che genere di regalo...non so se è il caso..”

(ci avvicinamo di almeno altri 10 centimetri)

“Avevo pensato a un bonus...ma ora ho un'altra idea...”

“Che idea...”

(tensione erotica alle stelle, senso di colpa pensando alla “mia” Elena).

La mano destra del capo mi cinge i fianchi.

Ci avviciniamo al punto di sentire il nostro respiro, ma siamo tesi come corde, e so che se esplodessimo sarebbe una violenta conflagrazione.

“Elena io... io...”

“tu..?”

“Non posso... ho una ragazza...”

“Giacomo...”

“Elena è pericoloso...se andiamo avanti non resisto...”

“Giacomo... lo sai... lo sai che mi piaci... e non pensare che sia una stalker...sono timida in queste cose...”

Ci avviciniamo, come annusandoci.

“Giacomo...mi accontento di vederti eccitato per me...se vuoi...non voglio rovinare la tua storia...”

“Elena io....”

Un cazzo di marmo mi tradiva. Il cuore può essere anche altrove, ma il pene non mente, e lo fa senza alcun ritegno.

Di colpo Elena si allontana, si appoggia alla scrivania e sfila gli slip, senza togliere la gonna.

“Sono un lago...mi vergogno..”

In quell'istante Elena arroscisce...e vedo una timida diciottenne, altro che capo...con una voglia insaziabile di essere sfondata da me, che le sto negando il cazzo.

“Elena voglio toccarmi...ma all'angolo..mentre ti guardo...non venire qui ti prego...”

Iniziamo così una straziante masturbazione a distanza. Io che mi sego i miei 20 cm con una foga bestiale. Lei che si tocca, ancora timida, con movimenti calibrati e lenti, la pelle chiara chiazzata di rosso, gli occhi socchiusi e indistinti gemiti soffocati.

Una sega interminabile, la mia mano calda che stantuffa, mentre lancio sguardi verso l'oggetto del desiderio. Lei, in trance, a sditalinarsi e gocciolare.

Sento che sta per venire, e ho i coglioni pieni da esplodere. A quel punto parte un impulso, violento quanto prevedibile...e corro verso di lei.

“Aspetta... lasciami sborrare sui tuoi slip, ti prego!!”

E in quest'eiaculazione sublimata estrinseco la mia voglia di riempirla. Scaricando fiotti di densa e abbondante sborra sulle sue esili mutandine sporche di lei.

Un fiume di succo caldo che inonda gli slip e la scrivania, interminabile, sputato fuori dal mio cazzo quasi con dolore. Non ricordavo di aver mai espulso tanta sborra dai miei coglioni. Fiotti, abbondanti, che avrei volentieri regalato alla sua passera vogliosa.

Ansimiamo.

Ansimiamo ancora. Ci osserviamo increduli. Poi, d'improvviso, torniamo in noi. A raccogliere i pezzi, a riprendere i nostri ruoli, e assieme i nostri vestiti.

“Grazie Giacomo. Scusami. E, ti prego, non raccontare questa cosa. Te ne sarò riconoscente”.

Con un movimento aggraziato ma deciso, allora, Elena afferra gli slip sborrati e li infila come nulla fosse. Aveva proprio bisogno del mio succo.

“Per qualsiasi cosa, Giacomo, non esitare. Sono qui”.

La guardo.

Rimetto il pacco a posto.

Esco..   

Anonimo

Raccontaci anche tu la tua storia, e divertiti a vedere on-line le tue esperienze piccanti!
Se vuoi pubblicare il tuo racconto erotico, inviacelo a questa eMail dedicata (è garantita l'assoluta privacy ed anti-spam dell'indirizzo eMail, noi riceveremo soltanto il testo)!

Ricordati di specificare se vuoi che sia pubblicato in via anonima, firmato con pseudonimo o firma completa . Inoltre ti offriamo la straordinaria possibilità di allegare il link al tuo profilo Chatnlove alla fine del racconto. Ti basterà segnalarcelo.

I racconti sono di esclusiva proprietà di Chatnlove, l'autore ne cede i diritti a titolo gratuito al momento dell'invio.
Ne è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo.