Vai direttamente a Flirt o Love  


“ Fai salire l' adrenalina !
Prendi il controllo sul
tuo partner, e
Divertiti  „

“ Il miglior Sito di incontri
Piccanti per soli adulti
esigenti  „

Seduci il tuo partner
e realizza i tuoi desideri
subito!  „

  Chat webcam      Messaggistica istantanea      Incontri geolocalizzati      Tecnologie speedflirt®

 Gabriella la coinquilina - 28/04/2015 - letto volte

La mia coinquilina mi fa una sega per svuotarmi le palle

La vita da studenti ha molti vantaggi. Il cazzeggio, le feste, gente nuova ogni giorno, serie tv a palla anche da soli, soldi che arrivano da casa senza muovere un dito.

Ma a volte, nonostante tutto, non si scopa.

E quando non si scopa ci si ammazza di seghe. Ora okei, va bene ogni tanto. Ma se ho voglia di una bella vagina succosa, a volte mi dà di testa...

In casa siamo 4. Io, Antonello, Davide e Gabriella. Il nuovo arrivato sono io, Gabriella è la veterana, ha 27 anni e da 5 ha visto passare chissà quanti coinquilini tra queste imbrattate e vissute mura.

Gabriella, lo confesso, mi arrapa non poco. E' di Feltre, ha una chioma riccia scura e non molto curata, labbra piccole ma carnose. Forme normali, ma ben proporzionate. Gira per casa con la sua esile camicetta da notte, le si vedono i capezzoli turgidi puntati come mitra, e deduco non porti neppure gli slip.

Nessuno dei ragazzi mi ha raccontato di essersela scopata.

  Gabriella è un pò gatta morta, un pò acida e fa spesso battutine a doppio senso. Le parole “cazzo” “scopata”, “pompino” sono costantemente sulla sua bocca, e da come parla sembrerebbe una professionista del sesso smaniosa di dispensare perle di saggezza. Eppure boh, ho l'impressione che anche lei non scopi.

Si chiude in camera, fuma qualche canna, ha sempre la birretta pronta e si spara ore di tv.

In 2 mesi un solo uomo è venuto a trovarla, e non c'è stata una seconda volta.

Ma perchè vi parlo di Gabriella?

Perchè, evidentemente, qualcosa è successo.

E' successo dopo che, una noiosa domenica sera, dimenticando la porta del bagno aperta la cara Gabriella mi sorprese a segarmi, furiosamente, davanti allo specchio.

Cosa disse?

“mmmh!”

E chiuse la porta.

Inutile dire che rimasi di ghiaccio, la mazza mi si ammosciò in 2 secondi ero talmente devastato dall'imbarazzo che uscii di corsa dal bagno chiudendomi in camera fino al giorno successivo.

Chiaramente la mattina evitavo i suoi sguardi, ma lei da brava maliziosetta sembrava volermi provocare, e capiva il mio imbarazzo.

E poi diciamolo: ho un bel cazzo.

La prima volta lo misurai dal lato sbagliato, ma ri-misurandolo a 16 anni dalla base dei coglioni dava 22 centimetri x 17 di circonferenza.

Insomma, un randello di tutto rispetto.

Antonello e Davide, quel giorno, per mia fortuna erano all'uni. Ed io costretto a navigare nell'imbarazzo con Gabriella.

“Posso dirtelo? Hai davvero un bel cazzo

(tonalità pelle: dall'arancio al rosso cayenna)

“Grazie...m...”

Siamo sul divano.

“Cioè...non solo è lungo...è anche proprio grosso...al centro...”

La guardo e basta.

“E dai, non fare così..... ma da quanto non scopi?”

“boh...2, 3 settimane...”

“Palle!! saranno almeno 4-5 mesi!!”

“no...cioè...”

Guarda, se vuoi ti faccio una sega....”

(impietrito)

“Cioè...non farti idee strane...solo una sega...ti aiuto a svuotarti...”

Io sono immobile. Ma le sue mani sono già sulla mia tuta adidas, notoriamente facile da sfilare in 2 mosse. La mia coinquilina, ebbene si, vuole farmi una sega!

“Dai rilassati... e non preoccuparti se non ti viene duro subito...faccio io con calma!”

Sempre indossando la sua arrapantissima camicetta, con le gambe nude e appena depilate, Gabriella mi calò quanto basta la tuta, trovandolo ancora a riposo.

“mm..ora lo sveglio io”.

Un savoir faire impressionante, tutto accadeva con una naturalezza imprevedibile. Era un film porno.

Intanto la Gabriella fece due movimenti secchi: con il primo, usando la mano libera, si tirò su quanto basta la camicia da notte . Con il secondo allargò leggermente le cosce effettuando una piccola rotazione: vedevo la sua graziosa passera perfettamente depilata, con le grandi labbra tumide e roride.

“shhh fermo! Non ti muovere!”

In 2 secondi avevo una mazza da paura.

“mmh.. così mi piace! E hai ancora delle palle enormi, si vede che ieri non hai finito...”

“eh si...”

Movimenti lenti, dal basso verso l'alto, dai coglioni alla cappella. Una stretta calda, variazioni occasionali, la porca sapeva come fare. Accelerava, poi rallentava e riprendeva smanettando con più vigore, mentre con l'altra mano mi soppesava i coglioni gonfi e pelosi.

Mentre contemplavo la sua vulva, l'esperta Gabriella mi segava con perizia e determinazione. Carezzandomi i coglioni e stantuffando l'asta nel modo giusto, quello che... si quello che..

“ahhh... ah ...sb....sborr....”

(primo spruzzo)

(secondo fortissimo spruzzo)

...

“mmm quanta sborra...eri carico da paura bello mio...!”

Le inondai le mani di sperma, che pioveva a getti ricadendo anche sulle mie palle e imbrattando tutto. Un mix appiccicoso mentre lei insisteva a stantuffare, quasi volesse estrarre ogni goccia residua dai coglioni.

Quindi la porca lasciò la presa, e passò la punta della lingua sulla sua mano destra, completamente ricoperta del mio succo.

“m...un pò salata.... ma non male...”

(occhi sbarrati)

“Vado a studiare... E non farci l'abitudine, eh!”

(occhi sbarrati)..   

Anonimo

Raccontaci anche tu la tua storia, e divertiti a vedere on-line le tue esperienze piccanti!
Se vuoi pubblicare il tuo racconto erotico, inviacelo a questa eMail dedicata (è garantita l'assoluta privacy ed anti-spam dell'indirizzo eMail, noi riceveremo soltanto il testo)!

Ricordati di specificare se vuoi che sia pubblicato in via anonima, firmato con pseudonimo o firma completa . Inoltre ti offriamo la straordinaria possibilità di allegare il link al tuo profilo Chatnlove alla fine del racconto. Ti basterà segnalarcelo.

I racconti sono di esclusiva proprietà di Chatnlove, l'autore ne cede i diritti a titolo gratuito al momento dell'invio.
Ne è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo.